This site uses cookies to provide a better experience. Continuing navigation accept the use of cookies by us OK

(EMERGENZA COVID-19) Nuove misure adottate dalle Autorità giapponesi (disciplina nuovi ingressi, brevi visite d'affari, requisiti sanitari ai fini dell'ingresso)

Date:

12/28/2020


(EMERGENZA COVID-19) Nuove misure adottate dalle Autorità giapponesi (disciplina nuovi ingressi, brevi visite d'affari, requisiti sanitari ai fini dell'ingresso)

- [ ] Le autorità giapponesi hanno introdotto nuove misure relative agli ingressi nel Paese, in vigore dalle 00.00 del 28 dicembre 2020 e valide fino al 31 gennaio 2021.
- [ ] La disciplina che regola gli ingressi nel Paese per un breve periodo, consentiti da tutti i Paesi del mondo per motivi di lavoro dal 1 ottobre 2020 - a condizione che il richiedente presenti una lettera di pledge da una azienda/ ente giapponese che confermi l’osservanza delle misure di quarantena - È SOSPESA FINO AL 31 GENNAIO 2020.
- [ ] Con riferimento al punto precedente, a meno che non si provenga da UK e Sud Africa - in tal caso l’effetto della misura è a far data dal 28 dicembre 2020 senza eccezioni -, coloro che hanno ottenuto un visto valido dalle autorità giapponesi secondo la disciplina di cui sopra prima del 28 dicembre possono comunque fare ingresso nel Paese FINO ALLE 00.00 del 4 GENNAIO 2021 se provengono da un Paese che ha un Travel Advice sulle Malattie Infettive di livello 3 emesso dal Ministero degli Esteri del Giappone (L’Italia è compresa tra tali Paesi).
- [ ] È sospesa fino al 31 gennaio 2021 la disciplina che dal 1 novembre 2020 non prevede una quarantena per coloro che sono residenti in Giappone, effettuano brevi viaggi di business all’estero e rientrano nel Paese entro 7 giorni.
- [ ] Con esclusione di chi proviene da Regno Unito e Sud Africa per cui è prevista una disciplina ad hoc, dalle 00.00 del 30 dicembre 2020 e fino al 31 gennaio 2021 tutti coloro - a prescindere dalla nazionalità - che fanno ingresso in Giappone provenienti da Paesi le cui autorità hanno annunciato la conferma di casi interni della cosiddetta nuova “variante” di Coronavirus (al 28 dicembre Italia, Francia, Irlanda, Islanda, Olanda, Danimarca, Belgio, Australia e Israele: la lista è soggetta ad aggiornamento da parte delle autorità giapponesi) devono presentare un test PCR negativo al Covid 19 effettuato entro 72 ore dalla partenza del volo per il Giappone e all’arrivo sottoporsi ad un test salivale per il Covid 19 in aeroporto. Coloro che non sono in grado di presentare all’arrivo in Giappone un test negativo al covid 19 devono soggiornare per 14 giorni in specifiche strutture indicate dalle autorità giapponesi responsabili della Quarantena.
L’Ambasciata d’Italia resta a disposizione dei connazionali, tenuto conto che le autorità competenti in materia restano quelle giapponesi. Si consiglia pertanto di rivolgersi anche alle rappresentanze diplomatico-consolari giapponesi, nonché alle compagnie aeree, le quali hanno la responsabilità ultima dell’imbarco a bordo.

Si prega di consultare il seguente link alla pagina web del Ministero degli Esteri del Giappone: https://www.mofa.go.jp/ca/cp/page22e_000925.html


533