Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

AGGIORNAMENTO N.1 DEL 21 MARZO 2011 – ORE 13.15

Data:

08/11/2011


AGGIORNAMENTO N.1 DEL 21 MARZO 2011 – ORE 13.15
Emergenza nucleare

Dall’inizio della crisi fino alla serata di ieri, 20 marzo, il valore della intensita' di dose gamma ("gamma dose rate – GDR”) e' stato consistentemente 0.04 microsievert/ora, cioe’ pari al fondo naturale di Tokyo. Come anticipato con precedenti comunicazioni, dalla tarda serata di ieri, domenica 20 marzo, e' stato riscontrato un aumento delle radiazioni che ha raggiunto nella notte il valore di 0.08 microsievert/ora. Alle ore 08:00 del mattino di oggi, anche grazie alla pioggia, il valore e' poi sceso ancora a 0.04 microsievert/ora.

I livelli di Iodio-131 e Cesio-137 misurati dai tecnici presenti in Ambasciata sono stati al di sotto del livello di rivelazione (assenza di tracce rilevabili) in tutto il periodo dal 16 marzo al 20 marzo sera. Nella notte tra il 20 ed il 21 marzo, in concomitanza con l'aumento della GDR, si e' tuttavia potuta evidenziare la presenza di questi due radioisotopi in valore numerico non quantificabile, essendo questo vicinissimo alla soglia minima di rivelazione.

Durante la missione di misurazione effettuata dagli esperti dei vigili del fuoco a nord di Tokyo, a Utsunomiya (Prefettura di Tochigi, circa 100 km a nord della capitale), il valore rilevato della GDR e' stato di 0.12 microsievert/ora (il valore comunicato dalle autorita' giapponesi per Utsunomiya e' di 0.15 microsievert/ora), con rivelazione radioisotopi artificiali di Iodio-131 e Cesio-137.

Come ribadito ripetutamente e confermato anche in questo caso, i valori direttamente registrati sia di GDR che per la presenza di radioisotopi escludono, al momento, la necessita' di adottare misure di protezione.

Alle 4:00 di questa mattina le squadre di intervento al sito nucleare di Fukushima-I hanno terminato le operazioni di immissione di acqua dall'esterno nella piscina di stoccaggio degli elementi di combustibile del reattore numero 3. La stessa operazione e' stata poi effettuata alla piscina del reattore numero 4. Misure di temperatura esterna dei reattori sono state effettuate utilizzando un sistema ad infrarossi montato su un elicottero. I valori riportati dalla JAIF sono stati: 58 Centigradi (reattore numero 1), 35C (numero 2), 62C (numero 3), 42C (numero 4), 24C e 25C rispettivamente per i reattori numero 5 e 6 gia' in fermo freddo ("cold shutdown").
Proseguono le operazioni di allaccio alla rete elettrica dei reattori e del conseguente ripristino dei vari sistemi di servizio per tutti i reattori.

Per quanto concerne il rischio sismico, secondo la Japan Meteorological Agency il livello di allerta ed i calcoli probabilistici per le scosse di assestamento dopo il grande terremoto dell'11 marzo rimangono invariati a quanto comunicato il 16 marzo.


Avviso ai connazionali

Anche se la situazione presso la centrale appare in via di progressivo miglioramento, l’emergenza non e’ ancora superata e non si possono pertanto escludere ulteriori, rilevanti danni ambientali con conseguenti rischi per la salute.

In tal senso, si ribadisce la raccomandazione ai connazionali di allontanarsi da Tokyo e dalle prefetture limitrofe, soprattutto a nord di Tokyo, e si scoraggiano quanti si fossero allontanati dalla Capitale a farvi, per ora, rientro.

L’Ambasciata ritiene che a ieri, domenica 20 marzo, a Tokyo fossero rimaste poche decine di connazionali ed invita quanti decidessero di rientrare malgrado il contrario avviso sopra ribadito, di avvertire dell’avvenuto rientro con apposita email all’indirizzo consular.tokyo@esteri.it avente per oggetto: “RIENTRO”. Chi non avesse ancora lasciato l'area o rientrasse a Tokyo dovra’ predisporre autonomamente i mezzi per un’eventuale evacuazione in caso di improvviso deterioramento delle condizioni di contaminazione.


Trasporti

Nella giornata di oggi operano regolarmente da Osaka tre voli Alitalia per Roma Fiumicino e Milano, con ampia disponibilita’ di posti.

AZ 793 AZ 793 per Roma Fiumicino delle ore 14.10 (arrivo alle ore 19.05)
AZ 787 per Malpensa delle ore 17.00 (arrivo alle ore 21.30)
AZ 785 per Fiumicino delle ore 19.30 (arrivo alle ore 00.15)

Il Governo italiano rinnova la disponibilità di posti gratuiti per i nuclei familiari e quanti si trovino in condizioni di vulnerabilità o stato di necessità.

Sarà accordata priorità alle famiglie con bambini minori di 15 anni e alle donne in stato di gravidanza.

Il costo del trasferimento all’aeroporto di Osaka sarà a carico degli interessati.

Ulteriori scali in Italia saranno a carico del passeggero.

Gli interessati dovranno presentarsi direttamente al banco accettazione dell'Alitalia presso l'aeroporto di Osaka e iscriversi in lista d'attesa. Presso lo stesso banco accettazione, a partire dalle ore 11.00 e sino alla partenza dell'ultimo volo Alitalia, sarà presente un presidio di personale dell’Ambasciata e del Consolato Generale d'Italia in Osaka per assistere i connazionali in partenza.

Il Consolato Generale d'Italia in Osaka, rafforzato con personale trasferito dall'Ambasciata d'Italia in Tokyo, continua a operare 24 ore su 24 e risponde ai recapiti telefonici 06 4706 5820 ed al cellulare di servizio 090 3350 1561 (attivo anche nelle ore notturne) e all'indirizzo e-mail
consolare.osaka@esteri.it.

L'Ambasciata d'Italia in Tokyo è aperta e raggiungibile H 24 al recapito consular.tokyo@esteri.it e, telefonicamente, al centralino (03 3453 5291) ed allo 03 3453 5274.

130