Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Giappone: Carolina Kostner ospite evento networking Consolato a Osaka

Kostner

La stella mondiale del pattinaggio artistico, la plurimedagliata Carolina Kostner, è stata ospite speciale al ricevimento per lo scambio di auguri di fine anno con i media e la comunità d’affari organizzato da Marco Prencipe, console generale d’Italia a Osaka.
La pattinatrice italiana, con quattro partecipazioni olimpiche e con un palmares che ne fanno una delle atlete con più alto numero di medaglie vinte in competizioni internazionali (tra cui un bronzo olimpico e un oro mondiale) è stata l’ospite di eccezione al tradizionale incontro di fine anno con i media e la comunità d’affari organizzato dalla rappresentanza diplomatica italiana a Osaka.
Davanti ad una platea di diplomatici, autorità locali, esponenti della comunità d’affari, accademica e scientifica giapponese, il console generale Marco Prencipe ha presentato la Kostner come un esempio dell’eccellenza Italiana nello sport, un’atleta che con grande impegno e dedizione ha raggiunto le vette più alte della carriera sportiva ed è conosciuta in tutto il mondo per la sua bravura, grazia ed eleganza.
Nel discorso di benvenuto il console generale Prencipe, tracciando un bilancio di fine anno, ha ricordato come “ il 2023 sia stato un anno eccezionale per le relazioni bilaterali tra Italia e Giappone”, sottolineando poi come “ la decisione del presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, e del primo Ministro Kishida di elevare le relazioni bilaterali a partenariato strategico si sia effettivamente tradotta in un salto di qualità delle relazioni stesse”.
“La partecipazione Italiana a Expo Osaka 2025”, ha aggiunto Prencipe, “darà sicuramente un impulso senza precedenti alle relazioni bilaterali arricchendo di nuovi contenuti il partenariato strategico tra i due Paesi”.
Il ricevimento è stato preceduto da un concerto del clarinettista Fulvio Capra con un repertorio ispirato al maestro Ennio Morricone.

Fonte: Il Giornale DIplomatico